Il tartufo nero è un misterioso fungo sotterraneo, rinvenuto da metà novembre a metà marzo.

Per svilupparsi, il tartufo necessita di condizioni ben specifiche, che lo rendono raro e costoso, un prodotto gastronomico d’eccellenza.

Soprannominato il “diamante nero della Provenza”, il tartufo è rinomato per il suo profumo inimitabile e il suo gusto ammaliante. Famosa produttrice di tartufi, la Provenza raccoglie i tartufi dal mese di novembre al mese di marzo.
Il tartufo nero della Provenza è conosciuto anche come “tartufo nero del Périgord”, ma il suo nome scientifico è tuber melanosporum.
Nessuna zona della Provenza ha ottenuto una denominazione d’origine per i prodotti della tartuficultura. Anche perché l’ambiente in cui si sviluppa la tartuficultura non ha alcuna influenza su qualità e sapore del tartufo: l’unico fattore che incide è il clima. Attribuire una denominazione d’origine ai tartufi, quindi, non avrebbe alcun senso. Inoltre, la presenza del tartufo dipende da tanti fattori che la sua produzione e regolarità variano di anno in anno. È quindi raro e prezioso. Ed è anche uno dei prodotti agricoli per il quale la domanda è nettamente superiore all’offerta.

Per gli appassionati di tartufo nero, da non perdere il Mercato del tartufo di Richerenches. Si tratta del mercato di tartufo più importante d’Europa. Nei mesi tra novembre e marzo, i mercati del tartufo di Richerenches rappresentano oltre il 50% dei contributi dati sui principali mercati del Sud-Est e il 30% della produzione nazionale.

×

Hello!

Click one of our contacts below to chat on WhatsApp

× Come possiamo aiutarti ?